044

L’estrema eleganza di questa donna!

A Firenze, nel cortile degli Uffizi. Ero seduto su uno di quei gradoni che percorrono il perimetro del cortile. La gente passava sul lungarno, un misto di turisti e di immigrati che si davano da fare. Notai, ad un certo punto un ragazzo che si fermò a guardare intensamente all’interno del cortile: è normale che si indaghi con lo sguardo un luogo in cui si sono mossi i vari Michelangelo, Raffaello e compagnia bella. Ma…, e qui divago un po’:

Leggi tutto

Oltre una trentina di anni fa ero seduto intorno ad un tavolino al bar di una terrazza in riva al mare, insieme con i miei vecchi compagni di liceo, che non vedevo fin da dopo la maturità; alle spalle di uno di loro, Raffaele, passò una bella ragazza e io la seguii con gli occhi pur senza, lo giuro, nessuna malizia.  Evidentemente, però, nel mio sguardo doveva esserci almeno un po’ di quella involontaria lascivia tutta maschile di quando si ammira una bella donna: fatto sta che Raffaele si voltò di scatto all’indietro esclamando, riferito a me, ‘questo qui sta guardando una donna!!’.

Ecco, lo sguardo di quel ragazzo che vedete imbambolato sul lungarno era dello stesso tipo e io feci istintivamente come Raffaele, cercai subito con gli occhi la donna, che, effettivamente, mi era appena passata davanti con quella sua magnifica eleganza e leggerezza in quel suo abitino luminoso. Non l’ho potuta vedere in volto, ma l’immagino bellissima.

Questa foto è una delle mie preferite perché racconta in pieno un preciso istante iniziato più di trent’anni prima e che, evidentemente, aveva lasciato un segno così profondo in me, senza che me ne fossi mai reso conto, tanto da permettermi di riconoscerlo nel volgere di un centesimo di secondo. Ah, quando crediamo di conoscere tutto di noi stessi!

4 commenti
  1. Carla
    Carla dice:

    In questa fotografia si nota l’armonia tra l’eleganza della donna e l’atmosfera impregnata di arte.Anch’io dipingo e l’immagine appaga il mio senso estetico.

    Rispondi
  2. Renza Cangiano
    Renza Cangiano dice:

    Eleganza inconsapevole, senza bisogno di passerelle, di abiti griffati.
    Eleganza che sembra non tocchi il pavimento, pur essendo parte di un contesto assolutamente quotidiano.
    E Il golfino, tenuto con grazia, non fa che conferire ulteriore leggerezza alla figura femminile. Quest’ultima, resa terrena solo dalla scura tracolla della macchina fotografica.
    Abilità dell’autore a aver colto l’attimo.

    Rispondi
    • antonio vona
      antonio vona dice:

      Quanto mi piace quella tua espressione “eleganza che sembra non tocchi il pavimento”: è proprio così, …quel ragazzo che inconsapevolmente mi ha fatto notare la scena ne era rimasto molto colpito.

      Rispondi

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.