025

Facevano parte di una folta comitiva turistica, credo laziali, in visita a Siena. Stavano per entrare tutti nella chiesa dei Servi, ma la bimba era molto stanca, in braccio al padre: lui annunciò che si sarebbe fermato lì, sul sagrato, a farla riposare e che avrebbe aspettato l’uscita del gruppo; altri suoi compagni di viaggio insistettero perché non cedesse ai capricci della bambina e che avrebbe dormito dopo, in pullman, tanto i bambini fanno in fretta. Niente da fare, il padre non volle sentire ragioni e permise alla sua bimba, come vedete, di rilassarsi. Mi è sembrato un bel momento da riprendere e da ricordare.

Leggi tutto

4 commenti
  1. Maria Cristina De Amicis
    Maria Cristina De Amicis dice:

    i genitori sono divisi da poco… Domenica pomeriggio ai giardini con il babbo…tra poco devono salutarsi e, come dice anche UOMO 66 , la bimba non vuole staccarsi dal padre. Nell’espressione del babbo non vedo orgoglio ma tanta tristezza, la sua bocca è contratta, forse si sta chiedendo se la bambina potrà risentire della scelta dei genitori.

    Rispondi
    • antonio vona
      antonio vona dice:

      Molto verosimile ! Il tuo modo così dettagliato e circostanziato di interpretare influenza persino il mio modo di guardare le mie stesse foto (il ‘persino’ vuole dire “nonostante io sappia che cosa in realtà stava succedendo”): facevano parte di una folta comitiva turistica, credo laziali, in visita a Siena. Stavano per entrare tutti nella chiesa dei Servi, la bimba era molto stanca, in braccio al padre: lui annunciò che si sarebbe fermato lì, sul sagrato, a farla riposare e che avrebbe aspettato l’uscita del gruppo; altri suoi compagni insistettero perché non cedesse ai capricci della bambina e che avrebbe dormito dopo, in pullman, tanto i bambini fanno in fretta. Niente da fare, il padre non volle sentire ragioni e permise alla sua bimba, come vedete, di rilassarsi. Mi è sembrato un bel momento da riprendere e da ricordare.

      Rispondi

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.